Fiandre Architectural Surfaces al Cersaie 2019 con nuove superfici e uno stand inedito: Solid Drapery

Cersaie 2019 Fiandre Architectural Surfaces ha proposto nuove superfici e soluzioni dedicate al mondo dell’architettura, dell’interior design e del furniture design, accogliendo il visitatore in uno stand di grande impatto visivo e sensoriale progettato da Studio MILO.

fiandre-stand-cersaie-2019-02.jpg 
Solid Drapery, lo stand progettato da Studio Milo per Fiandre Architectural Surfaces al Cersaie 2019

Solidi drappeggi in grés: l'ossimoro visionario di Studio MILO per Fiandre a Cersaie

Uno spazio dalla bellezza sontuosa, quello di Fiandre Architectural Surfaces al Cersaie 2019 ; uno stand che assomiglia a uno scrigno all'interno del quale sono custodite e celebrate le nuove collezioni per il formato grande lastra e per quello tradizionale , anche nella versione Active 2.0.

Il concept del progetto “Solid Drapery”, affidato da Fiandre a Studio MILO, si basa su un ossimoro, l’accostamento di sensazioni in esatta contrapposizione, ottenuto utilizzando il grès porcellanato, materiale riconosciuto come duro e resistente, come una sorta di tendaggio o panneggio, elemento decorativo normalmente associato ad una forma plasmabile e ad una sensazione di morbidezza.
Lo scopo è quello di mostrare la flessibilità di un materiale solo apparentemente rigido, che in realtà è in grado di adattarsi a innumerevoli applicazioni , diventando quasi un tessuto cucito su misura, con cui rivestire spazi di ogni genere, ma anche elementi decorativi e architettonici.

fiandre-stand-cersaie-maxi-lastre-fjord-maximum.jpg

Nella facciata esterna, dunque, le nuove maxi lastre Fjord Maximum scendono a terra come tende che celano parzialmente alla vista l’interno dello stand, creando una sorta di effetto sipario. Entrando ci si ritrova immersi in un susseguirsi di texture preziose , che trasportano il visitatore in un mondo fatto di ricchezza di particolari e intensi cromatismi. Le nuove collezioni sono finemente realizzate: Amazonite, White Beauty e Grey Beauty Marmi Maximum, Rock Salt Maximum e Agata Maximum per il formato grande lastra, Solida e Roc De Bourgogne per la gamma tradizionale.

fiandre-cersaie-white-beauty.jpg 
Collezione White Beauty Marmi Maximum di Fiandre Architectural Surfaces

fiandre-cersaie-agata-maximum.jpg 
Collezione Agata Maximum di Fiandre Architectural Surfaces

La flessibilità d'uso del grés: dalle maxi superfici orizzontali e verticali ai più piccoli complementi d'arredo

Il percorso espositivo si snoda fra ampie superfici, elementi di arredo e accessori che mostrano la flessibilità del prodotto. Gli arredi tailor-made sono stati progettati da Studio MILO utilizzando le novità Maximum e le lastre in grès porcellanato SapienStone, brand della holding Iris Ceramica Group specializzato in top cucina e piani di lavoro.

Protagonista privilegiata è la nuova texture Amazonite di Marmi Maximum, che riveste il grande bancone a “L” che attraversa tutto lo stand fungendo, lungo il percorso, da desk accoglienza, bar e meeting point. Questa bellissima superficie, ispirata all’omonima pietra preziosa, è applicata anche alle lampade arredo presenti nei due spazi ufficio dello stand, dedicati a meeting privati o commerciali. Il desk dell’ufficio direzionale ha un top rivestito nella nuova texture Calacatta Light di SapienStone con spessore 12 mm, mentre il volume di appoggio è in Pietra Grey e Calacatta Light Marmi Maximum di Fiandre con spessore 6 mm. Nell’ufficio commerciale un desk dalla suggestiva forma a S, rivestito in Calacatta Light Maximum , sembra fuoriuscire dalla parete.

Altri elementi d’arredo di grande bellezza sono la panca-scultura in Grey Beauty, Nebula Grigia e Premium White della collezione Marmi Maximum di Fiandre con piani d’appoggio ricavati dalle lastre SapienStone Premium White 12 mm, la libreria-separé rivestita con la texture Calacatta Light Maximum e completata da mensole in Pietra Grey 12 mm di Sapienstone e le sedute “vis-à-vis” realizzate con lavorazione a listelli in Sahara Noir della gamma Marmi Maximum di Fiandre. A questi si aggiunge un lavabo a fontana double face da centro sala in Calacatta Elite sempre della linea Marmi Maximum.

fiandre-stand-cersaie-2019-36.jpg

Studio MILO ha disegnato anche piccoli accessori in grès che sono stati realizzati, mediante varie tipologie di lavorazione, da artigiani qualificati; pezzi unici che aiutano a capire quanto il materiale del brand si presti a essere plasmato.

Il panorama espositivo è completato da nuove collezioni in formato tradizionale: Solida, che prende spunto dalla texture delle pietre del Nord connotando gli ambienti con leggerezza ed eleganza, e Roc De Bourgogne, ispira alla famosa pietra della Borgogna.

fiandre-cersaie-solida.jpg 
Collezione Solida di Fiandre Architectural Surfaces

Le tecnologie innovative che contradistinguono i brand di Iris Ceramica Group

Nello stand, Fiandre Architectural Surfaces ha dato spazio anche alle tecnologie innovative che contraddistinguono i brand di Iris Ceramica Group:

  • DYS Design Your Slabs, che offre la possibilità di personalizzare la lastra con pattern personali e unici;
  • ACTIVE Clean Air & Antibacterial Ceramic™, che rende le lastre antibatteriche, antiodore, antinquinanti e autopulenti.

Infine, un’interessante novità è il formato 100x250 per la linea Maximum pensato per progetti in ambienti di altezza limitata, ma anche per contenere gli sfridi di taglio nelle grandi lastre; una scelta perfettamente in linea con l’attenzione alla sostenibilità che contraddistingue da sempre l’azienda.

L’esposizione presentata al Cersaie 2019 da Fiandre Architectural Surfaces è, dunque, ricca e variegata ed esprime al meglio la duplice vocazione architettonica e decorativa dei materiali del brand.

Scopri le collezioni di Fiandre Architectural Surfaces su >>> granitifiandre.it


Cersaie: Solid Drapery, lo stand di Fiandre si aggiudica il premio ADI Booth Design Award 2019

Quale tra gli stand di Cersaie ha meglio comunicato il brand identity, brand value e il valore dei prodotti della propria azienda?

L'inedito stand progettato da Studio MILO per Fiandre, Solid Drapery, si è aggiudicato ADI Booth Design Award 2019 per la Categoria Interior.

La commissione formata da Cecilia Bione (prof.ssa Accademia Belle Arti Bologna esperta in exhibit design), Pierluigi Molteni (architetto, docente di Advanced Design ed esperto di exhibit design) e Wladimiro Bendandi (delegato ADI Delegazione Emilia Romagna ed esperto di comunicazione e brand identity) ha premiato lo spazio espositivo di Fiandre Architectural Surfaces per "la capacità di rompere la rigidità ed i vincoli del formato rettangolare inventando una sorta di tendaggi perimetrale che favorendo la permeabilità visiva, sottolinea al tempo stesso le potenzialità espressive e compositive del materiale ceramico. La capacità di innovare nuovi strumenti espositivi integrati al concept allestitivo".

fiandre-stand-cersaie-2019-01.jpg

“ Questo progetto nasce dalla volontà di rappresentare e raccogliere l'universo di Fiandre, e si sviluppa attraverso un nucleo centrale funzionale, riservato esclusivamente al personale di Fiandre, al cui interno abbiamo inserito uffici di rappresentanza, cucina ed emporio. Un forte segno architettonico, ovvero un volume con diverse altezze, abbraccia il nucleo centrale e accompagna il visitatore lungo il percorso espositivo, che inizia con la reception, area lounge-bar, area informal-meeting e si conclude, con una lunga panca che invita alla conversazione.
L'involucro all'esterno, si presenta al visitatore come un monolite materico e monocromatico, connotato dall'elemento "vela", il quale nelle diverse declinazioni formali permette di esporre internamente le molteplici proposte di Fiandre, esaltandone funzionalità, peculiarità e possibili applicazioni.
In conclusione, il volume architettonico costituisce uno scrigno all'interno del quale sono custodite e celebrate le collezioni appartenenti all'universo Fiandre. Queste ultime sono state interpretate non soltanto attraverso l'applicazione su superfici verticali ed orizzontali, ma anche attraverso la realizzazione di arredi su misura, come libreria, fontana, seduta vis-a-vis, coffee table, tavoli riunione e chandelier, il tutto valorizzato con oggettistica e piccole sculture. La scelta dell'elemento "vela" è stata favorita da un lato, per i giochi di luce che emergono, dall'altro per la capacità di esaltare la "materia", protagonista indiscussa del progetto ” _ Studio MILO


Chi è Studio MILO?

Studio MILO è una brillante realtà con sede a Milano e a Londra che si occupa di interior design, di architettura e di immagine. Nato dalla fusione di professionalità referenziate e complementari delle due co-fondatrici Arianna Crosetta e Federica Gosio, Studio MILO annovera esperienze internazionali e clienti prestigiosi. La vocazione creativa, le comprovate competenze in ambito di direzione creativa e una profonda conoscenza tecnica nel mondo della progettazione, consentono a questo studio giovane ma affermato di affiancare il cliente dall’ideazione all’esecuzione.