Lastrificatore: il nuovo mestiere nella posa della ceramica di grande formato

Le pavimentazioni realizzate con grès porcellanato di grande formato sono oggi una realtà diffusa. L'installazione delle grandi lastre non è semplice, richiede posatori qualificati. Può sembrare una banalità ma, non essendo previste certificazioni obbligatorie, è necessario affidarsi a chi dimostra di aver le "carte in regola" e la necessaria competenza. In Italia, i posatori certificati sono quelli iscritti ad Assoposa, l'Associazione nazionale imprese di posa e installatori di piastrellature ceramiche.

Come fare per contattare un posatore qualificato nella posa delle grandi lastre di ceramica? Sul sito di Assoposa è disponibile un tool che fornisce i contatti dei posatori qualificati in base alla Regione, Provincia e città di interesse.

cittadellaposa-cersaie-2019_assoposa.jpg

A Cersaie 2019 le grandi lastre sono state le protagoniste della 'Città della Posa'

Durante la cinque giorni di Cersaie, all'interno della 'Città della Posa' si svolgono dimostrazioni di posa in opera, principalmente di grandi lastre. I maestri piastrellisti sono disponibili a fornire agli interessati utili informazioni. Contestualmente alle dimostrazioni di posa, si svolgono seminari tecnici rivolti ad architetti e progettisti (2 ore di formazione in aula + 2 ore di esercitazioni pratiche in laboratorio di posa) che garantiscono ai partecipanti crediti formativi professionali.

Uno spazio importante all’interno della Città della Posa è occupato da Assoposa che si rende disponibile al dialogo con gli operatori del mondo della posa per illustrare le attività fatte e discutere degli obiettivi futuri.

Grandi lastre di ceramica, qualifica professionale e sistema pavimento.
L'intervista a Francesco Bergomi, Direttore ASSOPOSA

Parliamo di qualificazione professionale. Perché è importante che anche nel settore dei pavimenti e rivestimenti in ceramica la posa sia effettuata da posatori qualificati?

francesco-bergomi.jpg

Rispondo con una domanda: perché non curare con la stessa acribia che dedichiamo all’organismo edilizio, dalla struttura agli impianti, fino all’arredamento e ai mobili, anche le «finiture edilizie», cioè il rivestimento dei pavimenti e delle pareti delle nostre case? La qualità, cioè la qualificazione professionale del posatore, deve estendersi anche a questo specifico campo.

Sulla figura professionale del posatore, quale è la normativa di riferimento e quali sono le differenze professionali tra un piastrellista, un maestro piastrellista e un lastrificatore XXL?

La Norma UNI 11493-2:2016 sulla figura del posatore ricalca pedissequamente le conoscenze, le abilità e le competenze stabilite due anni prima dal “sistema di attestazione professionale” di Assoposa. Esse hanno ad oggetto le clausole della Norma UNI 11493-1 sulla posa:

  • Il PIASTRELLISTA attestato da Assoposa è quindi il posatore in grado di realizzare piastrellature complesse e a disegno, in conformità con il relativo progetto, verificandone e assicurandone la rispondenza ai requisiti di regolarità, durabilità e sicurezza.
  • Il MAESTRO PIASTRELLISTA lo è a un livello di eccellenza.
  • Il LASTRIFICATORE XXL-SLABLAYER è invece il professionista in grado di installare a norma i prodotti di grande formato in tutte le situazioni operative. 

Il posatore può diventare LASTRIFICATORE soltanto se partecipa a un’adeguata e specifica azione formativa (per esempio: ai corsi di Assoposa della durata di 24 ore, tre giorni, realizzati in collaborazione con la Scuola edile di Reggio Emilia).

Cosa significa posare una lastra di ceramica di grande formato?

Per il committente, significa ottenere il meglio della produzione ceramica dal punto di vista tecnologico ed estetico. Il posatore invece ha l’enorme responsabilità di posare bene (movimentare, tagliare, lavorare) un prodotto bellissimo, rispettandone gli specifici requisiti di installazione, molto spesso diversi da quelli della ceramica tradizionale. Il posatore deve conoscere bene queste specifiche tecniche di posa, attrezzarsi in maniera adeguata, essere in grado di dialogare professionalmente con il progettista e con la direzione lavori. 

Un consiglio tecnico di Assoposa ai progettisti che optano per i rivestimenti con lastre di grande formato?

Prima di tutto, seguire la norma tecnica UNI 11493, che contiene un ampio capitolo dedicato alla progettazione. In seconda battuta, appoggiarsi ai rivenditori specializzati e ai posatori qualificati di Assoposa, che garantiscono un’installazione eccellente, per la massima valorizzazione del progetto architettonico e del prodotto ceramico che è stato scelto.

Il settore delle pavimentazioni ceramiche punta a proporre soluzioni adatte per l’outdoor. Come può essere posato il rivestimento in esterno?

Il mercato ha accolto favorevolmente la piastrella di doppio spessore (20 mm) e il sistema di posa “galleggiante”, appoggiato cioè su supporti in polipropilene versatili e di semplice installazione. Grazie alle loro elevate prestazioni tecniche, questi prodotti in gres porcellanato consentono di creare un piano di calpestio autoportante idoneo all’uso in molteplici contesti esterni, sia pubblici sia privati, come giardini, cortili, viali di ingresso, bordi piscine, viali pedonali, terrazzi, balconi e porticati …

Assoposa riunisce posatori e rivenditori di ceramica, una scelta sicuramente a favore del sistema pavimento. Perché è importante parlare di sistema pavimento?

La presenza, all’interno di Assoposa, dei posatori e dei rivenditori di ceramica rivela una scelta di fondo a favore del SISTEMA PAVIMENTO. Posatori e rivenditori associati ad Assoposa si sentono parti interdipendenti del medesimo sistema; protagonisti a diverso titolo della medesima finitura edile (le norme tecniche parlano di PIASTRELLATURA), della quale vogliono garantire in solido, ciascuno secondo le proprie responsabilità e competenze, sia le evidenti caratteristiche estetiche (la ceramica è bellissima), sia le fondamentali caratteristiche tecniche di regolarità, durabilità, pulibilità e sicurezza.


Il sistema di attestazione professionale di Assoposa

Assoposa si dedica costantemente al riconoscimento e alla formazione del posatore piastrellista qualificato. La qualifica di posatore si basa su un rigoroso e accurato sistema di valutazione e di attestazione professionale. Il mantenimento del titolo di posatore qualificato si conferma nel tempo frequenatando i diversi corsi di aggiornamento professionale.

Da poco più di un'anno Assoposa ha arricchito la propria offerta formativa mettendo a disposizione degli interessati un corso di formazione per LASTRIFICATORI XXL-SLABLAYERS.

>>> Guarda l' intervista a Paolo Colombo, Presidente ASSOPOSA, realizzata in occasione del 2° Forum Nazionale Conpaviper, tenutosi a Rimini il 10 e 11 ottobre scorso.

citta-della-posa_assoposa_cersaie2019.jpg

Compiti, abilità e conoscenze per chi posa rivestimenti e pavimenti di ceramica

Il sistema di attestazione professionale di Assoposa ha definito ex ante le conoscenze, le abilità e le competenze, cioè i requisiti professionali, che il posatore deve possedere; così come ha definito il processo di valutazione attraverso il quale è possibile attestare in maniera obiettiva l’effettivo possesso, in capo al soggetto, di detti requisiti.

Gli applicatori di rivestimenti e pavimenti ceramici, tra cui le grandi lastre, devono avere specifiche conoscenze sui contenuti delle prescrizioni relative alla progettazione, alla realizzazione e alla manutenzione delle piastrellature ceramiche a pavimento e a parete di cui alla Norma UNI 11493. Nello specifico il posatore qualificato deve avere:

  • una conoscenza avanzata delle proprietà essenziali del sistema piastrellatura ceramica e dei relativi requisiti di accettazione [CARATTERISTICHE E REQUISITI DELLA PIASTRELLATURA];
  • una conoscenza avanzata delle tipologie e delle caratteristiche dei materiali costituenti la piastrellatura ceramica [MATERIALI];
  • una conoscenza di base dei criteri generali relativi alla progettazione delle piastrellature ceramiche e delle relative specifiche tecniche [PROGETTAZIONE].

Nonché una conoscenza avanzata delle modalità di posa delle piastrellature ceramiche e in particolare delle:

  • modalità di analisi del progetto, verifica del supporto, pianificazione del lavoro, controllo delle condizioni ambientali, delle modalità di stoccaggio e controllo dei materiali;
  • tecniche di preparazione e applicazione degli adesivi, delle fughe e installazione dei giunti;
  • tecniche e modalità di pulizia e protezione delle piastrellature;
  • modalità di collaudo accettazione delle piastrellature.

Maggiori informazioni sistema di attestazione professionale di Assoposa >>> Contattare assoposa.it