Un waterfront riconfigurabile e un giardino galleggiante: CRA e MIC svelano una nuova visione urbana per Lugano

Spazi urbani riconfigurabili che sfruttano le tecnologie per rispondere alle esigenze delle persone in tempo reale. CRA-Carlo Ratti Associati e MIC-Mobility in Chain (MIC) svelano un nuovo piano per il lungolago di Lugano.

piano-lungolago-lugano_rendering-by-cra_1.jpeg
A vision for the Lugano lakefront. Credit © CRA-Carlo Ratti Associati

Innovazione: uno dei punti chiave per lo sviluppo urbano

Aumentare i collegamenti tra città e lago attraverso un sistema di spazi pubblici innovativi per decongestionare il traffico sulla riva del Ceresio: da un'isola giardino galleggiante a un nuovo sistema di navigazione acquatica e strade riconfigurabili in grado di rispondere alle persone in tempo reale. È questo il nuovo piano visionario elaborato per la città svizzera di Lugano da CRA-Carlo Ratti Associati e MIC-Mobility in Chain.

"Lugano si impegna a ridisegnare il lago e il centro città per i futuri cittadini, concentrandosi su una crescente attenzione agli spazi pubblici dinamici, sulla coesistenza di diversi vettori di mobilità, sullo sviluppo di aree verdi, sul ruolo dell'acqua nella vita della città, l'impatto del paesaggio e molto altro - ha affermato il primo cittadino di Lugano, il sindaco Marco Borradori - Il percorso è iniziato nel 2018, quando il Comune ha identificato nell'innovazione uno dei punti chiave per lo sviluppo urbano. Si spera che il prossimo passo sarà una competizione aperta per creare un nuovo piano generale per la città di domani. Il nostro desiderio è che la visione possa presto prendere la forma di un progetto realizzato”.

dynamic-street_cra_lugano.jpg

Ricucire il rapporto tra la città di Lugano e il suo lago

Tra gli interventi proposti, il piano delinea i modi per collegare fisicamente la città di Lugano al suo lago. Una nuova isola giardino galleggiante aperta al pubblico, infatti, consentirebbe alla città di protendersi verso l'acqua. L'isola rotante dovrebbe ospitare una serie di spazi pubblici, tra cui un giardino per preservare la biodiversità del Ceresio, ed essere collegata alla riva attraverso una serie di passerelle.

piano-lungolago-lugano_rendering-by-cra_3.jpeg
A vision for the Lugano lakefront. Credit © CRA-Carlo Ratti Associati

piano-lungolago-lugano_rendering-by-cra_4jpeg.jpeg
A vision for the Lugano lakefront. Credit © CRA-Carlo Ratti Associati

Con l'intenzione di preservare il valore storico del waterfront progettato da Pasquale Lucchini nel 1863, la visione di Carlo Ratti Assocciati prevede di decongestionare il lungolago rendendolo parzialmente pedonale con l'aggiunta di un sistema stradale dinamico che può essere configurato con zero, una o due corsie in diversi momenti della giornata, e la realizzazione di superfici condivise con campi da gioco e spazi di raccolta sociale.

piano-lungolago-lugano_by-cra-2.jpeg
A vision for the Lugano lakefront. Credit © CRA-Carlo Ratti Associati

"Il caratteristico lungolago di Lugano, incastonato tra le Alpi svizzere e il lago di origine glaciale, è un'opportunità per creare un bordo reattivo per la città, sperimentando nuovi modi di fondere natura e spazio urbano", ha dichiarato Carlo Ratti, socio fondatore di CRA e direttore di il Senseable City Lab presso il Massachusetts Institute of Technology.

Smart e sostenibile: ecco il futuro "reattivo" del lungolago di Lugano secondo CRA-Carlo Ratti Associati e MIC

dynamic-street_cra_lugano-2.jpg

Veicoli elettrici autonomi e le soluzioni di micro-mobilità integreranno la mobilità privata nel nuovo piano. Il lungomare “dinamico” comprende un sistema di segnaletica intelligente, arredo urbano reattivo, infrastrutture che producono energia pulita dall'assorbimento del calore e una serie di nodi di mobilità in cui le persone possono selezionare il loro modo di trasporto preferito e condiviso.

"Analizzando i dati mobili e sul traffico e supportando la definizione del concetto di mobilità con un approccio scientifico basato su modelli, abbiamo supportato la visione urbana della CRA di trasformare la frattura dell'odierno asse veicolare lungolago in uno spazio reattivo, ospitando nuove soluzioni di mobilità e consentendo al lungomare di adattarsi dinamicamente al vivace ecosistema di Lugano" ha dichiarato Federico Parolotto, Senior Partner di MIC.

Chi sarà coinvolto nella rigenerazione del frontlake di Lugano?

La rigenerazione proposta è stata inizialmente presentata ai partner privati ​​coinvolti nel Lugano Living Lab, una piattaforma collaborativa per promuovere lo sviluppo urbano attraverso l'innovazione nell'area. Le aziende coinvolte nel Lugano Living Lab e interessate alla rigenerazione di Lugano hanno espresso il loro sostegno al progetto.

Spazi pubblici innovativi: alcuni dei progetti ideati da CRA

Esempi precedenti includono MIND, l'ex sede della Fiera mondiale di Milano 2015, reinventata dalla CRA come un "laboratorio di vita urbana" - un nuovo tipo di spazio pubblico con piazze, orti, uffici, centri di ricerca, facoltà universitarie, residenze e spazi culturali che sarà integrato a fianco delle aree per l'agricoltura urbana e il primo quartiere al mondo pianificato per la mobilità autonoma.

arexpo-decumano-selfdriving-ratti-smog.jpg
Il "laboratorio di vita urbana" MIND, ex area Expo 2015. Credit © CRA-Carlo Ratti Associati

Nel 2018, la CRA ha anche collaborato con la consociata Alphabet Sidewalk Labs a Toronto per sviluppare un prototipo di un sistema di pavimentazione flessibile che consenta un maggior grado di flessibilità nell'uso della strada durante il giorno. Inoltre, il piano di visione per Lugano si basa sulla ricerca del MIT Senseable City Lab sull'impatto urbano della tecnologia di guida autonoma e dei modelli di mobilità condivisa.

cra-alphabet-2a.jpg
The Dynamic Street, un prototipo per un sistema di pavimentazione modulare e flessibile finalizzato a rendere le strade riconfigurabili per adattarsi perfettamente alle esigenze delle persone. Credit © CRA-Carlo Ratti Associati


Crediti del progetto - A vision for the Lugano lakefront

A project by CRA-Carlo Ratti Associati with MIC-Mobility in Chain

Creative Consultancy: Italo Rota

CRA Team: Carlo Ratti, Andrea Cassi (project manager), Alberto Benetti, Chiara Borghi, Mario Daudo, Serena Giardina, Nicola Scaramuzza, Federico Riches, Galla Vallée

CRA Graphic team: Pasquale Milieri, Gary di Silvio, Gianluca Zimbardi

MIC Team: Federico Parolotto (project supervisor), Francesca Arcuri (project manager), Lucia Bocchimuzzi, Loris Sciacchitano (planners and data analyst), Federico Cicu, Anna Vnukovskaya (transport modelling)

With the collaboration of TIRESIA, the International Research Center of Politecnico di Milano’s School of Management