Sistemi radianti, isolamento acustico ed innovativi sistemi di posa: le soluzioni a pavimento a Klimahouse 2020

“Costruire bene. Vivere Bene”, è questo il messaggio lanciato in occasione dell’ultima edizione della manifestazione bolzanina dedicata all’edilizia sostenibile. Una 15esima edizione che ha puntato in alto: non più una fiera per l’efficienza energetica della filiera edilizia ma un vero e proprio hub per coltivare e diffondere la cultura del costruire sostenibile mettendo l’uomo al centro del sistema.

klimahouse.jpg

“Costruire bene. Vivere Bene”: come l’edilizia volta pagina e risponde al cambiamento

Cambiamento climatico, Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, Decarbonizzazione, Green New Deal, sono termini e provvedimenti stringenti; l’edilizia, quale principale responsabile delle emissioni di gas serra, del consumo di energia e di materie prime, è oggi chiamata a mettere in atto una profonda trasformazione e a farsi promotrice stessa del cambiamento. Oggi più che mai, tutti i soggetti coinvolti - produttori, progettisti e proprietari di edifici – sono pienamente consapevoli che l’unica strada da percorrere è quella del risparmio delle risorse, dell'efficienza energetica e della salubrità nell'edilizia e nell'abitare.

I numeri dell’edizione 2020 hanno confermato il successo di Klimahouse: durante i quattro giorni di manifestazione, più di 36.000 visitatori da tutta Italia hanno affollato i padiglioni della Fiera di Bolzano per scoprire le novità dei circa 480 espositori.

Come ogni anno, tra i protagonisti di Klimahouse anche il settore delle pavimentazioni, con tutte le sue componenti: soluzioni per l’isolamento acustico e termico a pavimento, sistemi radianti di riscaldamento e raffrescamento, massetti, sottofondi e finiture innovative.

Sistema radiante per il riscaldamento e raffrescamento a pavimento a Klimahouse

Secondo quanto indicato nel report "Gli immobili in Italia" elaborato dall’Agenzia delle Entrate e dal Dipartimento delle Finanze del Ministero dell’Economia, negli ultimi 9 anni sul nostro territorio nazionale sono stati effettuati 27,1 milioni di interventi di recupero del patrimonio edilizio, complici anche gli incentivi fiscali per migliorare le prestazioni energetiche degli edifici. Ristrutturare un immobile significa dare un nuovo valore agli ambienti e contestualmente migliorare il benessere delle persone che vivono al loro interno. I sistemi di riscaldamento a bassa temperatura - come i sistemi radianti – sono riconosciuti come soluzioni altamente ecologiche e confortevoli rispetto agli altri sistemi di diffusione ambientale del calore.

Tra le soluzioni proposte in fiera a Klimahouse c’è il sistema radiante a zero spessore Zeromax® di Eurotherm. Si tratta di un sistema di riscaldamento e raffrescamento a pavimento ottenuto fresando il supporto alla pavimentazione in modo da poter inserire la tubazione nelle zone di fresatura create. L’installazione del sistema risulta veloce perché si compone di sole 3 fasi: fresatura del supporto, posa della tubazione e copertura del sistema con la finitura scelta (es. parquet, piastrella, resina, ecc.). È infatti sufficiente utilizzare il massetto preesistente, un piccolo strato di livellina o una lastra di gessofibra per posare il sistema Zeromax® e godere di un piacevole clima naturale e uniforme in tutte le stagioni dell’anno.

zeromax_eurotherm.jpg
Zeromax® di Eurotherm, il sistema di riscaldamento e raffrescamento a pavimento ottenuto fresando il supporto alla pavimentazione

Tanto nelle ristrutturazioni, quanto nelle nuove costruzioni, il sistema LOEX home Three è stato appositamente studiato per una posa agevole in qualsiasi tipo di edificio garantendo velocità e precisione di esecuzione. Il sistema, infatti, è calpestabile dopo 18 ore dal getto e l’impianto può essere avviato dopo 7 giorni. Inoltre soddisfa le richieste di bassa inerzia termica grazie al ridotto spessore del massetto (3 cm) e all’elevata conduttività termica del massetto stesso (1.4 W/mK) che migliora il rendimento medio giornaliero. LOEX home Three è un sistema radiante a pavimento composto dall’isolamento LOEX Xenergy EVO (23 mm) e il massetto KNAUF NE 425 – 30 mm. L’impianto radiante LOEX può essere integrato con il sistema di regolazione Xsmart che permette di tenere sotto controllo il comfort della propria abitazione mediante touchscreen o direttamente dallo smartphone.

loex-home-three_sistema-radiante.jpg
LOEX home Three, sistema radiante a pavimento

REHAU ha partecipato a Klimahouse 2020 presentando le sue più recenti soluzioni per costruire e vivere nel rispetto dell’ambiente. In occasione della manifestazione fieristica, l’azienda ha esposto le novità di prodotto che mettono l’innovazione tecnologica al servizio della salvaguardia ambientale, consentendo di ridurre i consumi e risparmiare energia in modo intelligente. Accanto ai sistemi di punta, tra cui le soluzioni per il riscaldamento/raffrescamento radiante, le unità per la ventilazione meccanica controllata e per la deumidificazione degli ambienti, presso lo stand di Rehau i riflettori sono stati puntati su tre novità di prodotto che contribuiscono a garantire sicurezza, indoor quality e una gestione efficiente dell’energia. Tra questi NEA SMART 2.0, la nuova generazione di termostati dotati di funzionalità intelligenti per la regolazione della temperatura negli impianti di riscaldamento/raffreddamento radiante.

Come realizzare un impianto radiante in pochi giorni senza dover aspettare la maturazione del massetto? La soluzione è da ricercare negli impianti con posa a secco, ideali sia in caso di ristrutturazione che in caso di nuove costruzioni e per tutti gli ambienti che necessitano di limitati spessori a pavimento o carichi di solaio limitati nonché velocità d’esecuzione in cantiere.

FloorTech ha sviluppato 4 soluzioni a bassissima inerzia termica per rispondere a tutte le esigenze: minimo spessore, ecologia e fonoassorbenza e massima resistenza alla compressione. Per il minimo spessore l’azienda piemontese propone il Sistema PERFECT DRY, un'evoluzione dei sistemi a basso spessore composto da pannelli stratificati di poliuretano, un laminato composito in grado di garantire la resistenza strutturale e un materassino acustico in gomma-sughero. Sulla superficie dei pannelli sono incollate delle lamelle in alluminio sagomate per il contenimento delle tubazioni e la distribuzione del calore. Nel sistema ECO DRY di FloorTech il pannello isolante è in fibra di legno accoppiato alle lamelle in alluminio. Infine, i sistemi DRY26 e DRY 45, dove il pannello isolante è in polistirene espanso additivato di grafite per offrire massima resistenza alla compressione. Tutte le soluzioni proposte da Floortech permettono di posare qualsiasi tipologia di rivestimento.

floortech_sistema-radiante-a-secco-perfetc-dry.jpg
Sistema PERFECT DRY di Floortech per impianti radianti a secco

KLIMADRY è un sistema di riscaldamento a pavimento a secco con pannelli radianti in fibra di legno distribuito da Nordtex. Il sistema a bassa inerzia termica di KLIMADRY garantisce un ottimo isolamento termico e acustico con uno spessore minimo di 24 mm e uno spessore max. di 36 mm ed è adatto a qualsiasi tipologia di finitura a pavimento. Sempre distribuito da Nordtex è AKTIVFLOOR il pannello radiante in gesso fibrorinforzato per rivestimenti incollati e flottanti. La posa diretta su pavimenti esistenti, su massetti tradizionali o su massetti a secco nonché l’incollaggio diretto della pavimentazione (ceramica, legno, marmo etc.) sono le principali caratteristiche del sistema. Infine Nordtex propone LITHOTHERM® il sistema radiante a pavimento a bassa temperatura con breve tempo di reazione per avere un riscaldamento omogeneo e veloce dell’ambiente. Il sistema è costituito da pannelli in argilla di 55x33 cm con uno spessore di 4,5 cm. Il prodotto è ideale come massetto a secco in nuovi edifici ed è spesso anche impiegato per la ristrutturazione di vecchi edifici.

lithotherm_sistema-radiante-in-pannelli-di-argilla.jpg
LITHOTHERM® il sistema radiante a pavimento a bassa temperatura costituito da pannelli in argilla

Se volessimo riscaldare/raffreddare un’estensione degli ambienti della nostra casa in outdoor? In questo caso può essere installato un pavimento termico A1503 di ADARTE. La pedana termica è un sistema modulare per il riscaldamento e il raffrescamento di pavimentazioni esterne, siano esse a uso pubblico o privato. Il prodotto ha un funzionamento interno assolutamente innovativo, in linea con le esigenze di risparmio energetico e rispetto della natura. Permette di creare esternamente un ambiente confortevole e di vivere gli spazi outdoor tutto l’anno.

pavimento-termico-adarte.jpg 
Pedana termica A1503 di ADARTE per vivere gli spazi outdoor tutto l'anno.

Soluzioni per l’isolamento termico e acustico a pavimento

Isolconfort ha portato a Klimahouse Forma, la linea di pannelli termoisolanti in EPS per il raffrescamento e riscaldamento a pavimento. I pannelli sono stampati e accoppiati con un film rigido termoformato che funge da barriera al vapore e dotati di bugne con sottosquadra di bloccaggio. Questi pannelli sono specificatamente indicati per la posa di sistemi radianti dove si necessita di un ottimo isolamento termico e acustico. Sono adatti alla posa di tubazioni da 15 e 17 mm di diametro e garantiscono un bloccaggio serrato dei tubi grazie al film termoformato da 0,8 mm che irrigidisce le bugne limitando così al minimo il contatto del tubo con l’isolante a garanzia di un’elevata resa del sistema. Forma di Isolconfort è disponibile in 3 versioni per assecondare diverse esigenze e garantire un riscaldamento a pavimento ad alte performance.

Una soluzione ideale per posare in modo veloce e definitivo ogni tipo di pavimento inchiodato garantendo un efficace isolamento termo-acustico è il pannello Cork-Self-Zero di Tecnosugheri. Il pannello in Corkpan avente un formato di 100 x 55 mm è disponibile nello spessore di 40 o 60 mm e può essere installato sia sottopavimento che sotto massetto.

Nella scelta dell’isolante termico a pavimento, la resistenza alla compressione è un criterio decisivo in molte applicazioni. Grazie alla sua elevata resistenza alla compressione il pannello Styrodur® è adatto all’isolamento termico di quasi tutte le costruzioni a terra, anche per pavimenti soggetti a forti carichi come magazzini, impianti produttivi o hangar di manutenzione aeromobili. Styrodur® è un pannello di polistirene espanso estruso XPS, un materiale estremamente leggero, semplice e pratico da lavorare, anche con utensili per la lavorazione del legno. Il pannello isolante Styrodur® è prodotto e distribuito da FI-VE Isolanti su licenza di BASF SE.

stryodur-isolamento-termico-pavimento.jpg
Styrodur®, il pannello di polistirene espanso estruso XPS per l'isolamento termico per pavimenti soggetti a forti carichi

Per l’isolamento acustico a pavimento c’è GREENSOUND di Polymaxitalia, l’isolante acustico per il rumore da calpestio che garantisce un abbattimento acustico di 35 dB in soli 7 mm di spessore. GREENSOUND è ottenuto dall’accoppiamento tra un manto in riciclato di gomma e un feltro smorzante delle vibrazioni in fibre riciclate.

greensound_isolamento-acustico-pavimento_polymaxitalia.jpg
Isolante acustico a pavimento GREENSOUND di Polymaxitalia

Massetti e sottofondi per una casa all’insegna della sostenibilità e del comfort indoor

Performanti ai fini dell’efficienza energetica, i massetti premiscelati PaRis 2.0 e PaRis SLIM di Leca sono prodotti che grazie alle loro specifiche caratteristiche tecniche massimizzano le prestazioni termiche dei sistemi di riscaldamento radiante a pavimento.
PaRis 2.0, in particolare, è il massetto radiante fibrorinforzato a elevata conducibilità termica, antiritiro e a basso spessore che, grazie all’elevato coefficiente di conducibilità termica certificato (λ = 2,02 W/mK), favorisce l’omogenea trasmissione del calore negli ambienti.
PaRis SLIM, invece, è il massetto autolivellante antiritiro e a basso spessore, ideale in ristrutturazione per pavimenti riscaldati e lisciature di fondi irregolari, dalla conducibilità termica pari a λ = 1,66 W/mK.

laterlite_paris-2-0-posa-massetto.jpg 
PaRis 2.0 by Leca, massetto radiante fibrorinforzato a elevata conducibilità termica

Per sottofondi leggeri, facili da posare e immediatamente calpestabili perché posati a secco, fermacell propone le sue lastre in gessofibra, ideali in caso di ristrutturazione, risanamento e miglioramento delle prestazioni termo-acustiche di manufatti esistenti. L’applicazione degli elementi da sottofondo fermacell avviene con posa flottante a “correre” sfalsata e gli elementi possono essere accoppiati con pannelli in fibra di legno, lana minerale o polistirene espanso (EPS). Fermacell propone anche pannelli in gessofibra per impianti radianti dove le lastre sono già fresate per consentire il passaggio dell’impianto radiante.

fermacell_sottofondo-a-secco.JPG
Sottofondi leggeri in gessofibra fermacell

Per l’applicazione di massetti a uso civile ecologici e sostenibili il Gruppo Mineria San Romedio propone i suoi massetti in calce idraulica naturale della linea PURO Comfort: Massetto Sella e Massetto Sella Basso. Massetto Sella è adatto alla realizzazione di massetti con spessore variabile dai 4 ai 12 cm ed è compatibile con l’utilizzo di pavimenti radianti. È applicabile sul solaio grezzo, su sottofondi o fondazioni con o senza isolamento termico.
Massetto Sella Basso, invece, è applicabile direttamente su solai o massetti esistenti ove si renda necessario applicare spessori di massetto inferiori o uguali a 4 cm per rispettare le quote del pavimento finito. Le materie prime Massetto Sella e il Massetto Sella Basso sono composti da inerte di dolomia bianca e calce idraulica naturale NHL5 ricavata dalla cottura di scaglia rossa del Trentino. L’estrazione in profondità della dolomia bianca rende questo inerte perfettamente salubre perché non compromesso da inquinanti di superficie e la loro elevata traspirabilità e alcalinità ostacola la formazione di muffe. Sono prodotti privi di VOC nocivi, validati da Biosafe® come basso emissivo e soddisfano i criteri ambientali minimi CAM. Una volta che il massetto è indurito e asciutto potrà essere applicata su di esso qualsiasi tipologia di pavimentazione.

Come massetto di riempimento e livellamento su solai di legno o solai in cemento e latero-cemento, MGN propone Massetto Caldo, la malta per sottofondi in calce e laterizio macinato (cocciopesto) particolarmente indicato nella posa di pavimenti radianti. Una volta maturato, il massetto caldo supporta pavimenti seminati alla veneziana, rivestimenti in cotto, pavimenti in legno posati a colla o inchiodati su magatelli. Il massetto può essere rasato per restare a vista.

RiceHouse, una realtà imprenditoriale piemontese che si focalizza sul tema della valorizzazione dei prodotti secondari della coltivazione del riso, propone il sottofondo RH300, una malta premiscelata per massetto caldo utilizzata su solai di vario genere a base di calce naturale e lolla di riso. Il massetto RH300 è molto leggero, duttile, traspirante ed è pensato per nuove costruzioni ma adatto anche per i casi di risanamento termico e igrometrico di edifici esistenti. Garantisce ottime prestazioni di isolamento acustico e pertanto è ottimale anche in tutti gli ambienti che necessitano di essere isolati rispetto ai locali sottostanti.

rh-300_massetto-caldo_-ricehouse.jpg
RiceHouse, malta premiscelata RH300 per massetto caldo a base di calce naturale e lolla di riso

Riciclo ed elevate prestazioni della ceramica in una rivoluzionaria superficie continua

A Klimahouse 2020, la nostra redazione ha scoperto CeramicaContinua®, un pavimento capace di coniugare la bellezza e la qualità della ceramica con l’estetica innovativa del pavimento continuo, senza fughe, linee o interruzioni. Un prodotto che ha superato il limite dimensionale, mutando il rapporto spazio-estetica e diluendo la superficie in un unico monolite. L’uniformità cromatica del prodotto è notevole e la superficie è realizzabile in qualsiasi nuance. Frutto della ricerca congiunta di tecnici italiani ed europei, CeramicaContinua® è un sistema brevettato che impiega la ceramica riciclata pre e post consumo e utilizza processi nanotecnologici che incrementano la resistenza ai graffi, agli agenti acidi anche aggressivi della superficie aumentando la resistenza del substrato. Le nanotecnologie garantiscono anche elevate caratteristiche idrofobiche, riducono la sporcabilità e aumentano la facilità di pulizia.

ceramicacontinua_superficie-continua-in-ceramica.jpg
CeramicaContinua®, il pavimento continuo, senza fughe, linee o interruzioni che utilizza la ceramica riciclata