Pavimenti-Web » Elenco News » BASF entra nella stampa 3d
BASF entra nella stampa 3d
del 02/09/2017

BASF acquisisce Innofil3D il produttore olandese di filamenti  per la stampa 3D

Fusioni e acquisizioni  periodiche sono segnali di maturità di un settore emergente, grandi aziende iniziano a svilupparsi o provengono da altri campi per acquisire e stabilizzare il mercato,  questo è ciò che sta accadendo con l’industria della stampa 3D.
Il colosso chimico tedesco BASF, il maggiore produttore mondiale di prodotti chimici, ha recentemente esercitato un notevole impegno finanziario per iniziare l’espansione nel settore della stampa 3D; innanzi tutto ha creato una nuova società: BASF 3D Printing Solutions che sarà dedicata alla manifattura additiva, dallo sviluppo di materiali e soluzioni alla fornitura di componenti e servizi e sarà operativa dal 1 settembre 2017 con sede ad Heidelberg, in Germania, inoltre ha acquisito Innofil3D,  società olandese specializzata nella formulazione e produzione di filamenti per stampa 3D mediante tecniche FFF (Fused Filament Fabrication). L’azienda, fondata nel 2014 come spin-off di Applied Polymer Innovations, ha già una importante rete di distribuzione internazionale. I suoi materiali termoplastici includono filamenti PLA, PET, PVA e ABS, tutti personalizzati e di qualità particolarmente elevata per garantire un eccellente prodotto finale alla fine del processo di stampa 3D, un esempio la nuova gamma Pro 1 della società promette di aumentare la velocità di stampa 3D fino all’80%.
Il settore della stampa 3D per applicazioni industriali è molto dinamico e sta ancora emergendo. - commenta Volker Hammes, amministratore delegato di BASF New Business e futuro responsabile di BASF 3D Printing Solutions - Ciò significa che c’è bisogno di strutture agili, simili a start-up, con team interdisciplinari e processi decisionali rapidi. Concentrare le attività nella stampa 3D nello stesso sito, in un’azienda dedicata, è un fattore chiave per avere successo”.
La decisione di acquisire un produttore di filamenti è motivata dalla volontà di controllare l’intera catena di fornitura, poiché la qualità dei prodotti stampati in 3D non dipende solo dalle materie prime utilizzate, ma anche dalle tecnologie utilizzate per ottenere i filamenti. Innofil3D, diventerà così la piattaforma per lo sviluppo di filamenti in resina termoplastica, ampliando il portafoglio di materiali e soluzioni per la lavorazione di materie plastiche.
Con questa acquisizione, BASF  sta muovendo un passo in avanti lungo la catena del valore e ora può fornire non solo granulato di plastica per la stampa 3D, ma anche il successivo livello di lavorazione: i filamenti”, ha dichiarato Volker Hammes.
Innofil3D continuerà con le sue attuali attività commerciali, il suo team di esperti  metterà a disposizione le proprie competenze per rafforzare il team BASF 3D Printing Solutions. L’acquisizione permetterà anche a Innofil3D di diventare una piattaforma di sviluppo e produzione di filamenti fondamentali.
Jeroen Wiggers, Amministratore Delegato di Innofil3D commenta, “Siamo molto felici di essere parte di BASF. Uno dei vantaggi immediati è che questo accelererà l’ulteriore sviluppo delle tecnologie più recenti di filamenti, consentendoci ancor di più di aiutare i nostri clienti ad avere successo” . 

fonti:
www.polimerica.it
www.3ders.org

di Redazione INGENIO
Notizia letta: 2420 volte
Torna alla Lista News »